4/2- SCIALPINISMO: due settimane ai Mondiali della Valcellina

4-2-2011 Mancano due settimane al via dei Campionati Mondiali di scialpinismo della Valcellina, la vita organizzativa del Comitato Claut 2011 si va ad intensificare ogni giorno di più a seconda degli impegni quotidiani, riunioni con le istituzioni, briefing operativi con tutti i volontari, sopralluoghi nei campi di gara e presenza alle più importanti manifestazioni sportive in corso di svolgimento.
I Mondiali di scialpinismo Claut 2011 si presenteranno alle delegazioni straniere in occasione del briefing tecnico che si svolgerà questa sera a Tambre, oltre a presentare il video promozionale sarà illustrato il programma di gare tra il 18 e 25 febbraio. Sabato pomeriggio, durante le premiazioni della Coppa del Mondo, si potranno acquistare, presso la “casa Claut 2011” tutti i prodotti di merchandising marchiati con il logo Campionati del Mondo.
“Stiamo entrando nel vivo dell’organizzazione – dice Sergio Buricelli, referente tecnico di questi Mondiali –tutti gli aspetti si stanno allineando alle nostre previsioni.; purtroppo abbiamo qualche problema con la neve sulla piana di Claut, in quota invece il manto nevoso è perfetto, abbondante, compatto e già assestato. Proprio in questi giorni stiamo valutando la possibilità di spostare a Piancavallo anche le staffette e la sprint”.
Intanto l’abitato di Claut e tutta la Valcellina si sta preparando all’evento mondiale che porterà sul territorio migliaia di persone appassionate di sport e in particolare dello scialpinismo. La realizzazione dell’evento porterà alla conoscenza di un pubblico vasto questa opportunità di turismo sportivo alternativo, proponendo una nuova immagine dell’arco alpino italiano che non è solo rappresentato da grandi impianti e accoglienza di massa, ma vuole anche offrire attività alternative, per tutti, ed orientate alla conservazione ed allo sviluppo socio‐economico sostenibile.
In questo contesto naturale che fa da teatro ad una proposta turistico ‐ sportiva originale e fortemente integrata all’ambiente verrà promossa e diffusa la cultura dell’agroalimentare della Regione Friuli Venezia Giulia, terra ospitale e ricca di tradizioni locali. Nelle intenzioni degli organizzatore sarà questo il valore aggiunto della manifestazione.